Consiglio Comunale 9 marzo 2009

L’argomento più importante discusso è stato il bilancio di previsione 2009. L’ultimo di questa amministrazione.

Il Sindaco ha esordito dichiarando che dopo due sedute della commissione economica non ci fosse poi molto da aggiungere. Il bilancio è proiettato nel futuro.

La società patrimoniale (Progetto Cesano srl)  sta avendo risultati molto lusinghieri, è una delle poche che ha trovato una “mission” e portato utili. Alla patrimoniale, ha proseguito il sindaco, sono stati affidati nuovi compiti: la preparazione dell’ambulatorio medico al Tessera, da fare entro un mese, e un centro ricettivo alberghiero che sorgerà a lato della stazione ferroviaria della Milano-Mortara. Anche il polo culturale che sorgerà in via Kennedy sarà curato dalla società patrimoniale.

All’Auchan il 22 marzo verrà aperto uno sportello comunale a disposizione del pubblico.
Rispetto al bilancio partecipato e sociale sono stati approntati tutti gli strumenti, ora si tratta di riempirli di contenuti, ha continuato il dott. d’Avanzo . Aspettiamo fiduciosi il federalismo fiscale e il rientro delle leve fiscali nelle mani dei comuni. Realizzeremo il progetto CESANO ZONA A 30 al Tessera per eliminare il traffico, e apriremo un presidio istituzionale al Giardino. A seguito della rinuncia alla costruzione del Nuovo Municipio stiamo cercando delle soluzioni alternative.
L’area in via De Nicola, vicino alla stazione delle Milano-Mortara, ci è stata restituita.
Il valore stimato dell’area è di 5 milioni di euro. Il comune intende venderla per poter insediare un centro ricettivo alberghiero alla cui costruzione il comune intende partecipare con 2 milioni di euro.
A questo punto sono stati discussi e votati 4 emendamenti dell’opposizione, due di Alleanza Nazionale e due di Forza Italia.
Gli emendamenti chiedevano di ridurre alcune voci di spesa: consulenze, prestazioni di servizio, sospensione dalla  sottoscrizione di nuovi mutui. Tra le proposte una era relativa all’abolizione della figura del Direttore Generale. Il Comune infatti, da qualche anno, dispone di un Segretario comunale in part-time e di un Direttore Generale a tempo pieno (amministratore anche della società patrimoniale).
Tutti gli emendamenti sono stati respinti dalla maggioranza, votati dall’opposizione di centro destra e dal consigliere dello SDI. Astenuto invece il consigliere Bongiorno.
A questo punto si è acceso un vivace dibattito cui hanno partecipato quasi tutti i consiglieri d’opposizione: Raimondo che come sempre ha svolto una lunga e dettagliata critica dell’operato della giunta D’Avanzo, la consigliera Nucera che si è focalizzata sul problema dei trasporti pubblici e sulla loro annosa indeguatezza, e poi il consigliere Dell’Acqua di FI e  Bellintani della Lega Nord.
Per la maggioranza ha parlato il consigliere Tango, che da diversi consigli comunali si è autoassegnato il compito di difendere sistematicamente l’operato della giunta, poco supportato dai suoi colleghi di maggioranza che preferiscono lasciare replicare Sindaco ed assessori.
Alle ore 1,15 della notte il Vostro cronista si è dovuto allontanare dall’aula, mentre ancora si svolgeva il dibattito e prima della replica finale del sindaco.
A questo proposito ci permettiamo di svolgere alcune, speriamo utili, critiche.
Le riunioni delle commissioni consiliari sono pubbliche. Qualunque cittadino può assistervi se lo desidera.
Purtroppo le convocazioni non sono pubblicizzate. Non è possibile comprendere la discussione sul bilancio preventivo e sullo stato di attuazione dei lavori in seduta plenaria, senza nessuna documentazione in mano e senza aver partecipato alle riunioni di commissione. Sarebbe quindi utile che almeno una sintesi di questa documentazione fosse messa a disposizione dei cittadini, e della stampa locale, prima della seduta plenaria, in modo da permettere agli interessati una migliore comprensione della discussione.
Ricordiamo che bilancio di previsione e consuntivo sono le scelte fondamentali di una amministrazione, proprio per questo deve essere incentivata la partecipazione dei cittadini.
Oggi il comune dispone di un sito internet dove potrebbe pubblicare, anticipatamente, i documenti di cui poi si discute in consiglio comunale, anche in versione ridotta.
Non sarebbe poi male recuperare un’abitudine che vigeva fino a qualche anno fa: una serata di presentazione pubblica del bilancio.
Infine, una discussione che si protrae oltre le ore 24 della notte tra lunedi e martedi non ci sembra un buon esempio di democrazia partecipata. Anzi, forse non è neppure un buon esempio di democrazia.
Questa voce è stata pubblicata in 2009 cc. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...