Signor Sindaco: pubblichi tutto !

Domenica 27 marzo è stato distribuito un volantino davanti al Municipio di Cesano Boscone intitolato: No alla mozione di sfiducia del centrodestra! Nel testo si conferma la fiducia al sindaco D’Avanzo a cui si riconosce onestà nella gestione dell’Amministrazione, si respinge (al mittente) la mozione dell’opposizione e si prendono le distanze dalle insinuazioni “infondate” sull’operato del sindaco. Il volantino è siglato con tanto di logo dai partiti che sostengono la giunta comunale.
La cosa che subito si nota è che questi partiti si siano ormai ridotti ai soli quattro che siedono in consiglio comunale e hanno almeno un assessore in giunta.
Analoghi volantini o manifesti fino a qualche tempo fa avevano ben sette simboli di lista. All’appello mancano: la Federazione della Sinistra, che ha preso le distanze dal sindaco per prima, Sinistra Ecologia e Libertà, che ha comunicato qualche giorno fa la stessa decisione, e la Lista civica Movimento Civico per l’innovazione capeggiata da Vincenzo Bongiorno (già candidato sindaco per Forza Italia nel 2004). Se le prime due sono liste di sinistra, la lista civica di Bongiorno, di cui da tempo non si sentiva parlare, è una lista decisamente di centro. É vero che queste tre liste hanno sostenuto D’Avanzo senza riuscire ad entrare in consiglio, ma è anche vero che avevano preso in totale 926 voti. Se si considera che D’Avanzo vinse le elezioni con poco più di 800 voti di differenza dal suo avversario, possiamo sostenere che oggi il Sindaco non avrebbe più la possibilità di vincere le elezioni. Si tratta certamente di ragionamenti che lasciano il tempo che trovano, tuttavia evidenziano il momento di grave difficoltà politica che attraversa la maggioranza. Difficoltà che cresce se esaminiamo più da vicino le posizioni del Partito Democratico, sia cesanese che provinciale. La convinzione più volte manifestata dal Sindaco che tutto sia stato chiarito si scontra con le dichiarazioni di altri esponenti del partito. David Gentili, consigliere comunale a Milano per esempio dice: “D’Avanzo non si difenda sui giornali, ma davanti ai garanti del Partito, e anche il coordinatore di zona  del PD Fabio Bottero sembra essere molto meno “spavaldo” del Sindaco nel definire risolta la questione. Che la situazione sia ancora lontana dalla sua conclusione e che ci sia ancora molta confusione lo dimostrano molti indizi. L’ultimo, in ordine di tempo, è quello che riguarda l’attore Giulio Cavalli protagonista di un importante spettacolo teatrale lo scorso lunedi 21 marzo. Lo stesso giorno compare sul giornale IL FATTO QUOTIDIANO un articolo che riassumendo la questione delle intercettazioni delle telefonate intercorse tra Iorio ed il sindaco segnala la situazione di imbarazzo in cui si trova l’attore, il quale avrebbe deciso di rinunciare al mio cachet pattuito con l’Amministrazione Comunale per marcare la distanza da comportamenti e ombre inopportune che mi auguro vengano presto dissipate”. Lo spettacolo si svolge regolarmente con gran parte dell’amministrazione presente, ad eccezione del sindaco. Il giorno dopo l’ufficio stampa del Comune diffonde un comunicato in cui si afferma: “Chiarito anche l’equivoco che aveva indotto l’artista a comunicare ieri di non voler percepire il compenso”. Ma il seguente venerdi 25 sul blog dell’attore compare una nota in cui si dice: “ho preferito non ricevere alcun compenso a Cesano Boscone perché ostinatamente rivendico il dovere dell’opportunità nei rapporti che intrattengono i pubblici amministratori. A Cesano Boscone pezzi della politica hanno dialogato con imprenditori (Alfredo Iorio in primis) che sono i terminali finanziari della cosca Barbaro-Papalia. L’ha descritto perfettamente David Gentili (nel suo blog, qui), riportando con esattezza le carte giudiziarie. Concordo in pieno con l’analisi di David sull’inopportunità politica di alcuni componenti della Giunta. Lo dico con forza e lo rivendico. Il senso della mia scelta di non intrattenere rapporti economici diretti con il Comune è tutto qui. Senza fantasiose reinterpretazioni.”.
Chiarito l’equivoco ?
E cosa dire delle ripetute dichiarazioni con cui si sostiene che la documentazione contenente le intercettazioni era già nota dal 2009 e che se solo ora qualcuno le ha fatte circolare, e solo alcune pagine, lo sta facendo strumentalmente.   La documentazione era nota? a chi ?
Ma prendiamo per buona questa interpretazione del Sindaco: c’è qualcuno che “strumentalmente” sta usando quelle pagine per scopi  al momento ignoti e che possiamo immaginare poco onesti.
Ipotesi angosciante, noi non vorremmo dover assistere, nei prossimi tre anni, ad uno stillicidio di rivelazioni fatte circolare ad arte.
Che fare allora?
Perchè il Sindaco non pubblica, ora e integralmente, sul sito comunale tutta la documentazione contenente quelle intercettazioni ?
E’ il solo modo per impedire oscure manovre e di dover proseguire un’azione di governo sotto la minaccia di un possibile ricatto.
Il Sindaco non era indagato, l’indagine riguardava i dirigenti della Kreiamo. Se ora qualcuno ne è in possesso e cerca di utilizzare questi documenti per impedire l’azione amministrativa, come dice il Sindaco: documenti noti [fin dall’ottobre 2009] e diffusi strumentalmente da qualcuno, che tenta di indebolire interventi di rigore e di rispetto delle regole e della legalità, quali elementi essenziali della mia azione di governo della città, prima come assessore e poi come sindaco”, noi tutti abbiamo l’interesse di sventare questo squallido tentativo.
Pubblichi tutto Signor Sindaco e ciascun cittadino potrà valutare da sè quanto accaduto.

Matt 1

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2011 cc, Caso D'Avanzo, Consiglio Comunale, Politica locale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...