Pd svegliati, a Milano si può

Proponiamo questo articolo uscito oggi sul quotidiano EUROPA.
Quello che succede a Milano, un comune direttamente confinante col nostro, ci riguarda?
tratto da:
http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/125696/pd_svegliati_a_milano_si_puo
Il primato di Milano è un’idea dura a morire. La convinzione che se non si vince nella capitale economica non si può vincere nel paese era un’idea che divideva anche il vecchio Pci. Forse un mito.
È un fatto, invece, che oggi l’eventuale vittoria del centrosinistra nella capitale del Nord avrebbe l’effetto di un terremoto per la politica italiana. Espugnare la città che ha visto nascere leghismo e berlusconismo (in questo ordine) sancirebbe il tramonto della leadership del Cavaliere, la sua fine.
Se tutto questo è vero non si comprende la strana freddezza con cui il Pd guarda alle prossime amministrative sotto la Madonnina. Un misto di diffidenza e scetticismo che fa a pugni con i sondaggi di quasi tutti gli istituti di ricerca che, per la prima volta da molti anni, dicono che il miracolo a Milano è possibile, che Giuliano Pisapia può farcela. Naturalmente è giusto essere prudenti sui sondaggi. Una percentuale assai alta di indecisi autorizza qualsiasi previsione.
Però anche l’idea del premier di presentarsi capolista alle comunali conferma che i sondaggi che ha in mano lui sono gli stessi che conosciamo tutti, che il candidato del Terzo polo può rubare molti voti al sindaco uscente, che la Lega è un alleato insidioso, che è molto difficile trascinare al ballottaggio un elettorato deluso o indifferente. Quindi si può fare, come direbbe il Gene Wilder di Frankenstein junior. Anche la decisione della Bonino e dei radicali di spendersi in prima persona per Pisapia è una novità da non sottovalutare. Eppure – nonostante i sondaggi – il Pd locale e nazionale sembra non crederci davvero e non fare di tutto per trasformare una battaglia locale nella Waterloo del berlusconismo. Pisapia è un signore e non ha nessuna intenzione di aprire una polemica con l’azionista di maggioranza della coalizione a un mese e mezzo dal voto. Però lo squilibrio delle risorse in campo con la Moratti è evidente e devastante, e forse qualche sforzo in più (di soldi, di mobilitazione, di passaparola, ma soprattutto di soldi) si potrebbe fare.
Le ragioni della freddezza democrat sono tante. Intanto lo smacco della sconfitta alle primarie, forse non del tutto riassorbito. Poi le perplessità su alcune candidature, lo scarso peso nelle liste alle personalità cattoliche e moderate, il profilo sbilanciato a sinistra di un candidato sindaco che qualcuno, sottovoce, critica anche per una campagna elettorale troppo tradizionale. Infine, l’idea che sia meglio rafforzarsi dove si conta che provare a vincere in trasferta. Tutto vero se i sondaggi confermassero che l’impresa è impossibile. E invece non è così. Per il Pd rivincere a Torino e Bologna è quasi un dovere e non sarebbe una notizia. Farcela a Napoli e Cagliari sarebbe una bella sorpresa ma non uno tsunami come la vittoria contro la Moratti. Milano riguarda tutti. Perdere non sarebbe una tragedia, succede da vent’anni. Vincere, invece, segnerebbe una svolta. Non sarebbe la vittoria di Pisapia ma la sconfitta di Berlusconi, la fine di un ciclo politico, l’irrimediabile constatazione che il miracolo berlusconiano è morto anche là dove era nato. In termini di peso specifico la vittoria sotto la Madonnina conta molto di più di mille mobilitazioni di piazza, di convention, girotondi, fiaccolate, raccolte di firme. Speriamo che il Pd se ne accorga.
Giovanni Cocconi
Questa voce è stata pubblicata in Da leggere e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Pd svegliati, a Milano si può

  1. Simone Negri ha detto:

    L’articolo di Europa coglie perfettamente nel segno.

    Giro Milano e vedo le pubblicità della Moratti. Sono di una debolezza immane… In questi anni non ha fatto nulla di significativo e si trascina il futuro fallimento di Expo 2015. Mi ha colpito molto un manifesto con alle spalle una specie di torre di Babele… credo che nessuno per la città capisca a cosa si riferisce.

    Anche io sono convinto che Pisapia ce la possa fare.

  2. RUBY ha detto:

    il pd risulta essere fallimentare non solo a livello nazionale ma anche a livello locale

    è sotto gli occhi di tutti la mal politica che imperversa in molti comuni del milanese governati da oltre 40 anni dal PD
    vedi cesano boscone corsico buccinasco trezzano sn etc etc…….

  3. Luca ha detto:

    Scusa un attimo, qui vorrei puntualizzare qualche cosina.

    Partiamo dal fatto che NON sono del Pd e milito più a Sinistra.
    Nel Partito Democratico riscontro davvero tante problematiche, Simone lo sa, però non vanno accollate colpe dove non ci sono.

    Trezzano e Buccinasco non sono governati da 40anni dal PD (o cmq da sigle diverse contenenti le stesse persone). Buccinasco ha su una giunta di PdL così come Trezzano ed entrambi, pur proveniendo da precedenti esperienze di CentroSinistra, hanno subito una totale alternanza negli ultimi decenni.

    Quindi non diciamo tanto per dire, per cortesia.
    E sopratutto, concordo con il fatto che la Piscina di Cesano sia un annoso problema, ma ridurre a questo tutte le conversazioni su questo ottimo blog mi pare che faccia emergere un’arroccamento che non riesce a dare alcun respiro al discorso e che ammazza ogni tentativo di esprimere opinione.

    Se si vuole dialogare, benvenga, ma ripetere sempre e solo un argomento è ciò che di più lontano esista dal dialogo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...