Chi vusa püsé la vaca l’è sua . . .o, come si amministra un comune?

A volte, parlando con i nostri amministratori comunali (assessori e consiglieri di maggioranza), si ricava una strana impressione in merito ai criteri che guidano le loro scelte.
Capita, è capitato recentemente a proposito dell’ordinanza che obbliga i conduttori nel Parco Natura a tenere legati i cani nell’intera area, che quando gli si chieda di spiegare le ragioni della loro scelta (in questo caso: della scelta del Sindaco) rispondano dicendo di aver ricevuto lamentele da parte di alcune persone, per esempio i corridori, infastiditi nelle loro “performance” dal libero gironzolare di cani.
Ma non è la prima volta che ciò accade. Sempre in tema di chiusura ai cani, la scelta di espellere i cani dal Parco Pertini, presa sempre dal sindaco nell’aprile 2009, pare fosse supportata dalle lamentele (e una raccolta firme) di alcune mamme preoccupate per i loro piccolini.
A volte però non ne tengono conto. Infatti sebbene ci fu chi raccolse oltre 1.400 firme per chiedere all’Amministrazione di NON costruire un Nuovo Municipio, la scelta dell’Amministrazione e della maggioranza che la sosteneva fu quella di respingere la richiesta. Salvo poi accorgersi che era un argomento poco difendibile durante la campagna elettorale del 2009 e farlo quindi sparire dai programmi.
L’impressione che se ne ricava è che l’amministrazione per molti aspetti navighi a vista. Ma non su tutti gli argomenti.
Nessuno ha mai capito fino in fondo il perchè, ma loro un Nuovo Municipio lo volevano fare per davvero, anche in barba ai firmatari.
Invece, evidentemente coincideva con le loro intenzioni, alle mamme del Pertini è stata data piena soddisfazione, sebbene non abbiano certamente raccolto centinaia di  firme.
Compiere delle scelte in questo modo non è senza rischi. Il Pertini fu chiuso ai cani in aprile 2009, due mesi prima delle elezioni, e quando cominciarono ad arrivare tante e-mail di protesta qualche preoccupazione ci fu.
Purtroppo la politica e l’amministrazione della cosa pubblica è tutta un’altra cosa da quella che si vede all’opera ogni giorno a Cesano.
L’amministrazione di un comune è saggia quando cerca di sintetizzare e armonizzare gli interessi di tutti i soggetti presenti sul territorio. L’interesse di chi costruisce case è quello di lavorare e guadagnare, quello dei cittadini è quello di vivere in un posto comodo, armonico, bello. Il politico deve riuscire a trovare un punto di equilibrio tra queste due esigenze, e deve saper fare le scelte giuste. Deve insomma avere una visione più lunga, saper vedere avanti nel tempo per poter indirizzare l’evoluzione del paese che amministra. Un paese fatto solo di case, farebbe forse felice e ricco l’imprenditore edile, ma sarebbe poco vivibile per tutti gli altri cittadini.
Così quando si realizza un’opera bella e importante come il Parco Natura, non occorre essere Nostradamus per immaginare chi andrà a frequentare quotidianamente quel posto. E non è difficile intravvedere il potenziale insorgere di una conflittualità tra gli utenti.
Allora il bravo amministratore pubblico organizzerà le cose in modo da riuscire a soddisfare le esigenze di tutti. Magari prima di emanare regolamenti potrebbe discuterne con chi il Parco lo frequenta, organizzare un’assemblea, scriverne sul giornale e sul sito comunale…
Il Parco non è e non potrà mai essere solo dei conduttori di cani. Ma nemmeno dei soli podisti, nemmeno dei soli ciclisti…. Il Parco è e sarà di tutti.
Fortunatamente la geografia stessa del Parco Natura permette di dividere le aree in modo da evitare inutili conflitti.
Peccato che ancora una volta, e l’ordinanza sindacale arriva un anno dopo l’inaugurazione del Parco quindi di tempo ce n’è stato, i nostri amminitratori abbiano dato prova di scarsa capacità amministrativa e politica.

Matt 1

Questa voce è stata pubblicata in CANI, PARCO NATURA, Politica locale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Chi vusa püsé la vaca l’è sua . . .o, come si amministra un comune?

  1. claudia ha detto:

    Quanto danno dovra’ fare ancora quest’uomo prima di lasciare l’incarico??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...