A Cesano si prepara l’alternativa di sinistra?

La giunta D’Avanzo ha fatto appena in tempo a uscire ammaccata dalla vicenda delle intercettazione, e già torna a tremare. Anche più di prima. Pare infatti che nelle ultime settimane il Pd abbia stretto i rapporti da una parte con SeL e la Federazione della Sinistra, e dall’altra con Massimo Mainardi, socialista momentaneamente all’opposizione perché in contrasto con il sindaco ma non con il partito a cui il sindaco – non si sa come – risulta ancora iscritto. L’assessore verde pallido Aldo Guastafierro e l’ultramoderato assessore dell’Idv Michele Tango non avrebbero altra scelta che accettare, se non vogliono restare fuori dal consiglio comunale.
L’accelerazione sarebbe giustificata dai malumori suscitati dal bilancio. Il Pd infatti non ha digerito l’annunciata alienazione dell’asilo di via Garibaldi, l’edificazione del parco di via Goldoni, la chiusura di Oltre il Nido, la soppressione della navetta, i tagli alla scuola. La reazione è stata ancor più dura a causa del clericalismo della giunta D’Avanzo che, a fronte dei tagli sopra elencati, ha comunque stanziato 80.000 euro per la festa patronale, 48.000 euro per l’associazione di Salvatore Indino, e 25.000 euro per l’asilo delle suore.
Tant’è che il Pd ha annunciato una serie di emendamenti, costringendo il sindaco a fare marcia indietro almeno sull’asilo. Se è vero infatti che nel bilancio si parla soltanto dell’alienazione dell’area senza ulteriori specificazioni, è anche vero che il sindaco e la sua rossa vice (rossa ormai solo di chioma) si sono rassegnati a emettere un comunicato per precisare che l’attuale edificio sarà messo in vendita solamente dopo che ne sarà stato individuato un altro più idoneo. Precisazione non contenuta nel bilancio ma resa obbligatoria dalla necessità di garantirsi i voti del Pd in Consiglio comunale, altrimenti in forse.
Come se non bastasse, a rendere ulteriormente incandescente il clima pre-estivo è intervenuto l’incauto Raffaele Angiolicchio, consigliere della Lista D’Avanzo, che già nello scorso novembre si era distinto per una provocazione ai danni del Pd che aveva portato sull’orlo della crisi. Ora pare che Angiolicchio abbia protocollato un’interpellanza in cui attacca sia Mainardi che il partito democratico, colpevole quest’ultimo a suo dire di aver voluto le dimissioni di Francica. Apriti cielo! Quelli del Pd sono imbufaliti. E possiamo capirli, visto che sappiamo tutti che il Pd si è accontentato delle dimissioni di Francica perché non poteva ottenere quelle del sindaco a causa delle divisioni interne.

Matt 11

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2011 cc, Consiglio Comunale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A Cesano si prepara l’alternativa di sinistra?

  1. Antonio G. ha detto:

    Sarebbe veramente uno scenario auspicabile. Difficile però capire chi potrebbe guidare questa nuova squadra. Forse qualcuno che è nel PD ma che è socialista?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...