Una lotta che deve continuare !

Il 6 settembre 2011 lo sciopero generale della CGIL ha riempito le piazze italiane di lavoratori, giovani e pensionati che, con grande dignità e fermezza, hanno espresso la loro opposizione alle varie finanziarie del Governo.
Non esito a dire che quella scesa ieri in piazza a protestare sia la parte migliore d’Italia, quella più sensibile e consapevole, quella che non è disposta ad arrendersi ed a subire tutte le scellerate scelte che vengono fatte come se fossero inevitabili leggi di natura.
Scegliere di far pagare la crisi economica ai lavoratori e non alla parte più ricca della società è una selta politica e in quanto tale può (e deve) essere modificata.
C’era anche Cesano Boscone, ovviamente. Vogliamo qui segnalare la presenza di alcuni rappresentanti istituzionali che abbiamo visti in piazza, in ordine di apparizione:
la neo assessora Marina Morandotti della lista Civica per D’Avanzo sindaco, il consigliere comunale Filippo Capuano del PD, la vice sindaco Lilia Di Giuseppe del PD, e il capogruppo del PD Simone Negri.
SN 20110906

Il capoguppo PD Simone Negri (a dx)

Ma la presenza cesanese più significativa si è avuta quando il lungo corteo è arrivato in piazza del Duomo. Qui tra gli oratori scelti per parlare dal palco è intervenuta, in qualità di rappresentante sindacale dei dipendenti del Comune di Milano, la Sig.ra Franca Iamele, cesanese da oltre un trentennio e militante comunista, che ha svolto un interessante ed applaudito intervento.
Una grande giornata di lotta dunque che però sarà solo la prima di una lunga serie.
La Segretaria Generale della CGIL Susanna Camusso, nel suo intervento a Roma, lo ha detto chiaramente, la manovra deve essere cambiata e l’art.8 (quello che “liberalizza” i licenziamenti senza giusta causa) deve essere ritirato. Per ottenere questo la CGIL ricorrerà ad ogni azione di lotta necessaria, come pure attiverà dei ricorsi legali in ogni ordine di giudizio, sino alla Corte Europea.
E la CGIL non è un’organizzazione solita a lanciar vane minacce . . .
Questa voce è stata pubblicata in Da leggere e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...