Anziano dilaniato dai cani. La procura apre l’inchiesta.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/03/05/news/anziano_dilaniato_dai_cani_la_procura_apre_l_inchiesta-31003608/

I pm stanno acquisendo le segnalazioni alla Asl sulla presenza di randagi nella zona
in cui è morto l’uomo. Bocconi con farmaci anestetizzanti per catturare i cani aggressori

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta, al momento senza ipotesi di reato né indagati, sulla vicenda di Gaetano G., l’uomo di 74 anni che venerdì scorso è stato sbranato da un branco di cani randagi ed è morto in ospedale per le gravi ferite riportate. In particolare, gli inquirenti stanno acquisendo tutte le segnalazioni inoltrate nel tempo, anche alla Asl, da coloro che risiedono nella zona vicino a via Martirano, al confine con Cusago (Milano), nelle quali si denunciava la presenza di randagi aggressivi in quell’area.

L’inchiesta, coordinata dal pm Giuseppe D’Amico, punta a verificare se ci siano state eventuali negligenze da parte delle autorità a seguito delle segnalazioni dei cittadini e dunque se si possano individuare profili di colpa e a carico di chi. Gli inquirenti stanno anche vagliando una serie di testimonianze, di cui è necessario anche valutare l’attendibilità. Intanto, dall’autopsia effettuata sul cadavere dell’anziano è emerso che l’uomo sarebbe stato ferito anche da un morso alla giugulare da parte di un cane.

Il Comune di Milano ha chiesto ad Asl di catturare nel più breve tempo possibile i cani. Sempre su richiesta del Comune, la Asl dovrà provvedere a dotare di microchip tutti i cani presenti sul territorio di Muggiano. E’
l’esito dell’incontro fra l’assessore alla Sicurezza e polizia locale del Comune di Milano, Marco Granelli:
l’assessore provinciale alla Sicurezza, Stefano Bolognini e i rappresentanti di Asl, polizia provinciale e polizia locale dei Comuni di Milano, Trezzano sul Naviglio, Cusago e Cesano Boscone.

“Sulla base delle attività di perlustrazione del territorio, avvenuta in questi giorni da parte della Asl e della polizia locale – ha dichiarato l’assessore Granelli – abbiamo definito un piano per catturare i cani randagi che vivono nell’area di Muggiano. Il piano prevede la somministrazione di cibo contenente un farmaco anestetizzante che addormenta gli animali, in modo da poterli prendere e portare al canile”.

(05 marzo 2012)

Questa voce è stata pubblicata in Da leggere. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...