COSA SUCCEDE IN CITTA’ – Preparazione alle amministrative 2014

La riunione che il Movimento 5 Stelle ha organizzato lunedì 18 novembre al Tessera ci offre l’occasione per aggiornare alla data odierna i movimenti delle forze politiche cesanesi in previsione delle elezioni amministrative che si terranno, presumibilmente, verso fine maggio.

Cominciamo proprio da loro: i 5 stelle. Da alcuni giorni, in particolare la domenica, si fanno vedere in giro per Cesano e incontrano i cesanesi. Durante questi incontri hanno raccolto 87 questionari sui problemi di Cesano. Naturalmente non si tratta di un test scientifico data l’esiguità delle interviste, l’avanzata età media delle persone, la netta prevalenza dei maschi sulle femmine. Tuttavia è significativo per il gruppo, che ha l’occasione di farsi conoscere e di conoscere il territorio, o meglio le persone che lo abitano.  Scopo della serata la presentazione di questi risultati. Proposte concrete su come affrontare i problemi segnalati quali piscina, trasporti, strade e marciapiedi, oppure il tema della sicurezza, i 5 Stelle ancora non ne hanno, ma stanno studiando.Il relatore ha più volte affermato che su diversi argomenti, bilancio, piste ciclabili per esempio, ci sono delle loro persone che si sono incaricate di approfondire la conoscenza delle problematiche. Segno inequivocabile della loro volontà di esserci alle prossime elezioni, con una lista che, seguendo gli orientamenti nazionali, probabilmente non si alleerà con nessun’altra forza politica costituita, tentando di replicare il “botto” delle politiche di febbraio.

Lunedì prossimo invece, il 25 novembre, alla Casa della Trasparenza ci sarà una riunione di Cesano Cambia. Anche questa realtà, già attiva da diversi mesi, potrebbe arrivare a presentare una lista alle amministrative. Per ora stanno anche loro contattando le forze politiche ma con risultati, a quanto ne sappiamo, abbastanza deludenti. Tuttavia essendoci un comune sentire su molte tematiche col movimento 5 Stelle, potrebbe essere possibile un’alleanza tra queste due liste (o la formazione di una sola lista, chissa…) a condizione tuttavia di non schierarsi con nessuno dei due candidati sindaci, quelli del centro sinistra e della destra, per intenderci.

Lista certa anche da parte di Sinistra Unita per Cesano Boscone che, come dice il nome, ha una chiarissima collocazione politica e raccoglie il lavoro di analisi svolto dal Laboratorio Politico Cesanese riuscendo anche nell’impresa di riunire in una stessa lista Rifondazione Comunista e Sinistra ecologia e Libertà. Certa la presentazione, assai probabile la presentazione da soli. In quest’area ancora si continua a guardare (verrebbe da dire: purtroppo) a quello che fa il PD . Nel senso che se nel PD si aprissero spiragli di un possibile cambiamento rispetto alle passate gestioni e di una minima autocritica sui troppi errori commessi, potrebbe non essere così difficile riaprire una discussione (magari in sede di ballottaggio). Sinistra Unita per Cesano Boscone terrà la sua prima iniziativa pubblica la mattina di domenica 1 dicembre, alle ore 10.30 presso la cooperativa di via Roma 51.

Queste tre aree, molto diverse tra loro, sono in sostanziale accordo nel criticare l’operato delle giunte D’Avanzo. Non è detto che da questo possa nascere un accordo o un’alleanza, ma nemmeno che sia escluso a priori. In particolare pensiamo  che tra SU e Cambia Cesano potrebbe essere possibile qualche intesa, meno plausibile forse tra SU e M5S   (cosa direbbero Casaleggio e Grillo se a Cesano qualcuno si alleasse con una lista decisamente di sinistra?).

Più complicata la situazione all’interno del PD.

Dopo le polemiche sulla “lievitazione” degli iscritti nella settimana precedente il congresso, passati da 80 a 150, il PD si avvia alle famose primarie di gennaio. Stiamo parlando di Cesano ovviamente. I candidati sono due: Giovanni Bianco, già assessore negli ultimi 8 anni, e Simone Negri capogruppo consigliare dal 2009.

Favorito al momento è il Bianco che gode dell’appoggio del sindaco D’Avanzo, della vice sindaco Di Giuseppe, della ex-sindaca Brembilla (che possiamo chiamare “il trio”). Bianco    si propone come continuatore delle amministrazioni D’Avanzo. Mentre Negri raccoglie i favori del Presidente del Consiglio Nicola Bersani, dei consiglieri Filippo Capuano e Giuseppe Orsino. In sostanza di quel gruppetto di “dissidenten” che più di una volta ha messo in difficoltà il Sindaco e lo ha contretto a mutare decisioni già prese (basti pensare alla decisione di vendere l’asilo di via Garibaldi, solo per fare un esempio).

A fare da “terzo incomodo” nello scontro sulle primarie, potrebbe aggiungersi l’assessore Guastafierro. Verde, assessore almeno dal 1999 pare sia intenzionato a candidarsi pure lui, trasformando le primarie del PD in primarie di coalizione. Una candidatura che al momento non sappiamo interpretare bene. Infatti, sostanzialmente, l’assessore potrebbe trovare appoggi elettorali nella stessa area che dovrebbe appoggiare il giovane Bianco. Potrebbe essere, è un’ipotesi che azzardiamo, una candidatura su cui quel gruppo consolidato di potere (ben rappresentato dal trio) potrebbe spostarsi nel caso in cui dovesse accorgersi che il candidato Bianco non sia in grado di battere il proprio antagonista.

Di sicuro la vittoria dell’area più moderata del PD (se così si può dire di un partito che fa del moderatismo la sua ragione di vita) al congresso, quando è stato eletto segretario Carlo Rognone con l’appoggio del trio, potrebbe essere un problema per Simone Negri qualora vincesse le primarie. Spetta alla segreteria infatti compilare le liste.

A proposito delle liste del PD, si vocifera che il trio voglia candidarsi ed entrare in consiglio comunale. Se direttamente nella lista del PD o con “propria” lista civica non si sa. Una ex-sindaca (lo è stata per 12 anni), un ex-sindaco (per 10 anni) una vice-sindaca (10 anni) che si ripresentano per fare i consiglieri comunali (che saranno ridotti dai 20 attuali a 16). Che senso avrebbe questa operazione? Alla faccia della “rottamazione” auspicata da Renzi (vincente pure a  Cesano)…

Sull’altro fronte non si sa nulla. Nulla trapela e/o dicono. Di certo i Fratelli d’Italia si stanno dando un gran da fare. Qualche giorno fa è addirittura comparso l’ex vice-sindaco di Milano, De Corato. Noi siamo sempre dell’idea che il candidato più probabile sia il giovane avvocato Raimondo.

Il Pdl nazionale è appena stato rottamato dal suo inventore. Immaginiamo che questo abbia provocato molta incertezza a tutti i livelli del partito. Vedremo come si collocheranno i consiglieri comunali.

Rimane il grosso dubbio sull’area degli ex-socialisti. Cosa farà Mainardi ? C’è chi assicura che voglia tornare in seno al centro sinistra e che sarebbe disposto ad appoggiare Negri giacché col trio non si è mai trovato troppo a proprio agio. Mainardi però è un politico cesanese di lungo corso e sa che in politica certi errori si pagano. Aver guidato il centro destra cesanese dopo essere stato per anni assessore nelle giunte di centro sinistra potrebbe essere stato l’ultimo atto della sua carriera politica. Almeno di quella diretta. Ma anche queste sono solo nostre illazioni.

Cesano Boscone 18 nov 2013

Matt 1

Questa voce è stata pubblicata in 2013 e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a COSA SUCCEDE IN CITTA’ – Preparazione alle amministrative 2014

  1. Nicola Pignataro ha detto:

    El Paes, grazie per il servizio che rendi a tutti con i tuoi articoli.
    Solo due precisazioni di Cesanocambia a quest’ultimo articolo:
    1) Noi non contattiamo le forze politiche, noi abbiamo presentato pubblicamente una lista di 10 sfide per una politica locale aperta. Parallelamente chiediamo che non siano più presenti in giunta e in consiglio comunale i protagonisti degli ultimi 20 anni di amministrazione, a sinistra come a destra. Al momento nessun candidato sindaco o forza politica ha raccolto ufficialmente tutte le nostre sfide.
    2) Quella del 25 novembre alla sala della trasparenza non è una riunione, è un’assemblea pubblica aperta a tutta la nostra comunità, dove cesanocambia presenterà la sua idea di politica locale e dove tutti potranno intervenire. Sarà anche l’occasione per dire chi siamo, se siamo di destra o di sinistra, quali sono state le reazioni delle altre forze politiche alle nostre proposte e, di conseguenza, se ci presenteremo e con chi alle prossime elezioni comunali.

    Prima che elettori siamo una comunità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...