Sull’intervista del Sindaco D’Avanzo al Si e No !

Leggo un’intervista al sindaco uscente di Cesano Boscone, questa.
Leggetela anche voi se non l’avete già fatto, perché poi la commentiamo.
Andando con ordine, primo punto le primarie e il loro regolamento. Il sindaco lamenta che “Nel nostro caso non sono stati fatti preventivamente accordi politici di coalizione, come nel caso di Trezzano, tanto che alcune forze che siedono oggi all’opposizione hanno inevitabilmente condizionato il risultato.”
Ma per quanto ne so io il regolamento delle primarie è stato deciso dal direttivo del circolo del PD. Dubito che ne abbia discusso col solo alleato disponibile al momento, la moribonda Italia dei Valori. E nel PD cesanese il segretario è un uomo decisamente schierato dalla parte del sindaco uscente, eletto, come tutti ricorderanno, qualche giorno dopo aver registrato un “boom” di iscritti,  passati da 80 a 150 nel giro di una sola settimana, cosa che ancor oggi si presta a dubbi e, nella migliore delle ipotesi,  arricciamenti di naso.
Dunque se è stato o non è stato fatto un valido regolamento elettorale per le primarie, e se a queste  han potuto partecipare cani e porci (il francesismo è nostro) chi deve ringraziare il PD cesanese ? se stesso!  Ricordiamo che venne inserita anche la norma che permetteva agli iscritti al PD entro il giorno 11.11.13, residenti fuori Cesano, di poter partecipare. Si noti bene, solo gli iscritti del PD e senza nemmeno specificare quanti fossero. Un espediente per far votare la ex-sindaca da decenni ormai residente altrove? in diversi l’hanno pensato.
Quindi il sindaco lamenta una preoccupazione sul futuro di Simone Negri dicendo: “quanto il sostegno ricevuto dai rappresentati dei Bigatt e de la Svolta condizionerà le scelte future? Sono gli avversari più agguerriti, contro i quali abbiamo messo in atto, interpretando il sentimento della cittadinanza, ogni possibile azione per respingere la loro politica personalistica, molto distante dall’interesse comune.”
Sono affermazioni forti, che non siamo in grado di commentare. Se sono successe cose come quelle che il sindaco denuncia  queste saranno essere successe “nelle segrete stanze” del governo cittadino. Di pubblico c’è ben poco da commentare: il Bigatt non è nemmeno entrato in consiglio comunale, La Svolta ha fatto la sua battaglia di opposizione, senza nemmeno esagerare. Questo è quello che si è visto.
Pertanto, giacché siamo per natura curiosi e in particolare delle cose cesanesi, vorremmo che il sindaco si spiegasse in modo più chiaro, citando nomi, cognomi, interessi, situazioni precise.
 Che documenti insomma queste affermazioni.
Sugli incontri domenicali siamo vicini alla psicosi complottista, un genere sempre in auge. Lo sanno tutti che la domenica mattina in via Dante ci sono diversi consiglieri comunali che passeggiano, si incontrano, discutono, parlano, ridono, scherzano. A volte, osiamo dirlo, si pagano reciprocamente perfino il caffè o l’aperitivo domenicale. E allora ? qual è il problema?
Come pure il riferimento al portavoce di SU, Sinistra Unita per Cesano Boscone, Giuseppe Gallo. Gallo venne eletto portavoce del PD, svolse questo ruolo sino a quando, non essendo più d’accordo con l’indirizzo politico preso dall’amministrazione D’Avanzo, lasciò l’incarico.
Tempo dopo diede vita ad un’altra iniziativa politica che adesso è sfociata nella costituzione di Sinistra Unita. Un percorso politico chiaro, limpido, al netto di qualunque interesse personale.
Cose c’è da dire?  Se le diverse anime del PD non sono mai arrivate a sintesi come si può imputare qualcosa a chi il PD lo ha lasciato già da anni ?
D’altra parte, verrebbe da dire, questa intervista del sindaco non pare proprio un tentativo di sintesi con l’area che ha sostenuto Negri. Direi anzi che sia tutto il contrario.
Riassumiamo quanto, seppure non detto, questa intervista lascia intendere:
1)   io, Vincenzo D’Avanzo, sono stato il miglior sindaco che Cesano Boscone abbia mai potuto desiderare;
2)   io, Vincenzo D’Avanzo, non ho mai e poi mai sbagliato nulla. Tutto quello che ho fatto io era innovativo e ben fatto;
3)   io, Vincenzo D’Avanzo, ho sostenuto una candidatura che è stata bocciata perché, forze oscure e ai confini della legge hanno sostenuto la candidatura avversa alla mia, per farmela pagare, avendo io amministrato bene e non avendo voluto accondiscendere ai loro interessi;
4)   siccome questa è gente che solo io ho saputo mettere in riga, voglio vederlo adesso quel pischello di Simone Negri come farà quando questi si faranno avanti per esigere la contropartita al loro appoggio;
Per finire, il colpo di coda al veleno: “Se si vuole costruire una politica basata sulla legalità, ci si chieda prima di tutto se il tenore di vita di alcuni “vecchi” della politica corrisponde alla loro dichiarazione dei redditi. Occorre massima trasparenza!
Ecco appunto Signor sindaco, occorre massima trasparenza. E allora ci dica, ci racconti cosa le avevano chiesto, come lei si sia opposto. Ci dica chi sono questi vecchi della politica locale il cui reddito dichiarato non corrisponde al tenore di vita.  Sia trasparente anche lei !
La conclusione che ne possiamo trarre, a mio parere, è un’altra.
A Cesano Boscone è finita un’epoca. E’ finita l’era dei D’Avanzo, delle Di Giuseppe, delle Bruna Brembilla e di Salvatore Indino con la sua faraonica festa patronale.
Fatevene una ragione e cercate di essere un poco più brillanti.
E’ finita perché il popolo di centro sinistra ha detto basta!
La sconfitta è sempre amara, lo so. Ma non potete concedervi di dire: “après moi le diluge” dopo di me il diluvio.  A volte si deve abbozzare, si fa più bella figura.
MATT ONE
Ps: Simone Negri ha preso 1.148 voti. Gli elettori cesanesi che lo scorso anno  hanno votato per la  Camera erano 14.303. Lo hanno dunque votato, in percentuale l’ 8,02 % dei cesanesi .
Matteo Renzi alle primarie del Pd ha preso 1.887.396 voti. Gli elettori italiani per la Camera dei Deputati, a febbraio 2013, sono stati 36.452.084 . In percentuale il 5,17 %.
Possiamo dunque affermare che, in percentuale, il risultato di Negri sia decisamente superiore a quello di Renzi.  Non sarebbe male che il suo partito, il PD cesanese, se ne rendesse conto…
PS II: avete presente la storia di Valentino Rossi e la Ducati. La Ducati prende Rossi, il miglior pilota al mondo e il più pagato. Ma non ascolta mai i suoi suggerimenti. Lui dice cosa và cambiato nella moto per renderla vincente, ma in Ducati fanno orecchie da mercante.
Risultato: in due anni NESSUNA vittoria !           Meditate, gente del PD, meditate!
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Primare PD 2014 Cesano Boscone e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Sull’intervista del Sindaco D’Avanzo al Si e No !

  1. Pinuccio ha detto:

    Ma con che coraggio parla dopo tutto quello che ha combinato?

    Su Kreiamo niente da dire signor Sindaco?

  2. Pingback: Lo Scacchiere Politico a 3 mesi dalle elezioni | elpaesdimatt

  3. Pingback: Una regia di D’Avanzo sul caso Guastafierro? | elpaesdimatt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...