Anche CesanoCambia presenterà un proprio candidato a sindaco.

E’ primavera . Dopo il lungo, infinito autunno (l’inverno non l’abbiamo visto) finalmente è primavera.
Come sugli alberi si aprono nuove gemme e presentano i loro fiori, così la politica cesanese, dopo un lungo periodo di sonnolenza si sta finalmente svegliando e ormai al ritmo di uno al giorno, sta presentando i propri candidati al ruolo di sindaco.
Oggi il lieto annuncio è stato dato da CesanoCambia.
Lista, la chiamiamo lista perché non sapremmo che nome darle: non è una forza politica, non è un partito, non sappiamo se sia un’organizzazione, accontentiamoci, per ora, di chiamarla lista (costituenda) che ci sembra il meno improprio tra i nomi possibili, lista dicevamo che sembrava scomparsa negli ultimi mesi dopo una sfolgorante serata di presentazione, ormai diversi mesi fa. Al punto che pensavamo avesse desistito dall’idea di candidarsi.
Non è così, come non è noto se prima di prendere questa decisione CesanoCambia si sia o meno incontrata con il candidato sindaco del PD Simone Negri.
Il sostegno a Negri infatti, sembrava l’ipotesi più probabile per questa lista che ha insistito molto sulla necessità di un forte cambiamento del personale politico cesanese e una maggiore trasparenza nelle scelte amministrative e politiche.
Punti questi, sui quali con Negri non ci sarebbe stato nemmeno bisogno di discutere, crediamo.
Ma evidentemente CesanoCambia non la pensa così e dunque decide di candidarsi in prima persona.
A questo punto i candidati in campo sono tre: il Negri che ha vinto le primarie del PD, Guastafierro che dopo aver fatto parte per 15 anni delle amministrazioni di centro sinistra ha deciso di tentare l’avventura da solo, e la lista CesanoCambia .
Conosciamo, da pochi mesi,  alcune persone di CesanoCambia compreso il candidato Stefano Cella. Ci sembrano persone ragionevoli perfettamente inseribili, politicamente, nell’area del centro sinistra se non proprio del PD. Dunque ci risulta davvero poco comprensibile la loro scelta. Non siamo portati a pensare, in questo caso,  che si tratti di ambizioni personali insoddisfatte, o volontà di azzoppare un candidato sgradito. Però le differenze di programma, amesso che quello presentato in questo sito (leggi qui…) lo si possa definire tale, non giustificano una presentazione solitaria ed un mancato accordo nell’ambito del centro sinistra.
E’  la stessa critica che si può muovere a Cesano 2020.
Anche in questo caso, possibilità di vittoria: inesistenti.
Siccome gli amici di CesanoCambia sono persone intelligenti, e quindi lo sanno, il loro obbiettivo deve essere un altro.
Eleggere almeno un consigliere? Può darsi. Anche se, e lo diciamo per esperienza personale, un consigliere da solo può davvero fare poco, ancora meno di quanto una rondine non faccia primavera.
Se poi abbiamo capito bene il prossimo consiglio sarà composto da 16 consiglieri, 11 di maggioranza e 5 di opposizione. Siccome è probabile che chi si presenta da solo perda, dovrà puntare a questi 5 seggi. E qui la concorrenza, dunque il quorum necessario, sale di molto.
Sono le “gioie” del maggioritario…
Serviranno quindi ben più di 1.000 voti per entrare in consiglio.
Né e pensabile di presentarsi soli al primo turno e poi, in caso di ballottaggio, fare degli apparentamenti. Nessuno è in grado di controllare gli elettori che lo votano, quindi chi va al ballottaggio difficilmente farà alleanze in quella fase, piuttosto si rivolgerà direttamente agli elettori.
Infine una info: assieme al simbolo di CesanoCambia compare quello del Movimento Civico per l’innovazione. Si tratta di una sigla che non vedevamo da 5 anni, quando si presentò in coalizione con D’Avanzo non riuscendo ad eleggere nessun consigliere. Prese circa 300 voti, o forse meno. Si tratta di un’organizzazione guidata da Vincenzo Bongiorno, già candidato sindaco per Forza Italia nel 2004, defenestrato la sera stessa dell’insediamento del consiglio comunale per lotte intestine dento F.I. fece opposizione a D’Avanzo nei 5 anni di consiglio e poi passò con lui nel 2009.
Una persona molto gentile e garbata. Ci fa piacere che sia ancora in pista.
Matt 1
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Anche CesanoCambia presenterà un proprio candidato a sindaco.

  1. elpaesdimatt ha detto:

    Caro El Paes di Matt e cari amici di SinistraUnita per Cesano Boscone,
    – nell’articolo ironizzi su cosa siamo.
    Ma come? Non lo sai cosa siamo? Siamo cittadini che chiedono alla politica locale di mettersi al passo con i tempi e ricostruire un patto di fiducia e collaborazione tra la comunitá e la sua rappresentanza.
    – Dici che il nostro appoggio a Simone Negri sarebbe nella natura delle cose.
    Noi NON siamo del PD e nella natura delle cose ci sarebbe che Negri e ogni altra forza sostenessero senza esitazione i nostri 11 punti di “buon senso”.
    – Insisti sul fatto che le nostre possibilità di vittoria sarebbero inesistenti e anche prendere un solo consigliere un’impresa titanica.
    Ma secondo te noi siamo a caccia di seggi? Se non si fosse ancora capito non non ci battiamo per noi stessi ma per i cittadini che rischiano di essere ignorati, presi in giro e dimenticati per altri 5 anni. Per metterli al riparo da questo rischio non basta una brava persona, servono strumenti di trasparenza, democrazia e competenza: quelli che chiediamo da un anno e che nessuno ha sottoscritto con la necessaria chiarezza, convinzione e maturità.
    – Chiudi riportando il fatto che saremo sostenuti da Vincenzo Bongiorno, sottolineando come non sia un politico di primo pelo.
    La vera notizia, a un osservatore attento quale sei non dovrebbe sfuggire, è che una persona così gentile e garbata abbia detto di no a TUTTE le altre forze che pure l’hanno cercato, scegliendo di rimettersi in gioco con una lista fatta di genitori, famiglie e cittadini interessati unicamente alla tenuta della nostra comunità anzichè a quella del quadro politico.
    Siete gente di lotta, giusto?
    Lo siamo anche noi.
    Eccovi 11 punti e un’idea di politica per cui vale la pena di lottare.
    – Passo indietro di chi ha già governato perché senza ricambio non c’è democrazia.
    – Assessori prima del voto.
    – Progetto legalità dai 4 ai 18 anni.
    – Revisione regolamenti su bandi e appalti, incarichi pubblici e contributi alle associazioni.
    – Assemblee pubbliche mensili cascasse il mondo.
    – Bilancio trasparente, disaggregato e spiegato ai cittadini.
    – Servizio civile comunale retribuito per i giovani e per chi è senza lavoro.
    – Ufficio bandi per sostenere il sociale, l’associazionismo e le imprese sul territorio.
    – Ufficio innovazione territoriale per il commercio locale, lo sport, la musica, il teatro e la cultura.
    – Cesano Notizie e Tg comunale affidato ai giovani.
    – E attraverso questi strumenti PRIORITA’ AI DEBOLI.
    Ovvero a chi è malato, solo, senza un tetto, bambino o anziano, alla scuola e all’ambiente.
    Cesanaocambia
    Siamo una comunità.

    STEFANO CELLA
    pubblicato Stefano Cella in Facebook il 15-3-14

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...