Perché non firmerò la petizione di M5S e l’estrema destra cesanese .

A volte la politica, anche quella locale, lascia piuttosto stupiti. In questo caso crea in me stupore la scelta dei tempi.

Mi spiego meglio: Fratelli d’Italia, Forza Italia e il Movimento 5 Stelle hanno lanciato una raccolta di firme per chiedere l’istituzione di una commissione consiliare d’indagine sul caso della piscina comunale di Cesano Boscone.

La causa scatenante di tutto ciò è la comunicazione, data dal Sindaco all’inizio dell’ultimo consiglio comunale, di un decreto ingiuntivo del Tribunale di Mantova che ordina al nostro comune il pagamento di oltre 3 milioni e settecento mila euro al Monte dei Paschi di Siena . Si tratta di una fideiussione firmata dalla passata amministrazione a garanzia dei lavori di costruzione.

Ora le perplessità che ho sono di vario tipo. Provo ad elencarle:

  • il consiglio è appena stato eletto. Tutte e tre le forze promotrici dispongono di almeno un consigliere comunale, FI di due. I consiglieri possono tranquillamente chiedere di vedere e fotocopiare tutti gli atti relativi a questa vicenda. Possono frequentare gli uffici comunali e farsi spiegare per filo e per segno cosa sia successo dai funzionari comunali. E’ loro diritto fare queste cose. Che lo facciano e informino i cittadini delle conoscenze acquisite.
  • Già in precedenza l’allora consigliere Ennio D’Ercole aveva più e più volte sollevato il caso piscina in consiglio comunale. Aveva fatto esposti alla Corte dei Conti. Aveva cioè esercitato il suo mandato pienamente e, a parere mio, efficacemente. Dunque il caso era perfettamente noto a tutti. Per lo meno a tutte le forze presenti in consiglio comunale.Non capisco bene cosa possa aggiungere, a livello di conoscenza dei fatti, una commissione d’inchiesta.

    Tuttavia, proprio per evitare qualunque tentativo di strumentalizzazione, fossi io il sindaco, non avrei nulla da obbiettare nell’istituirla.

Se ben ricordo però:

  1. la questione piscina era in mano al Sindaco di allora, tale dott. Vincenzo D’Avanzo, che gestì personalmente l’intera questione con il supporto dell’allora Direttore Generale.
  2. Questo non esime il PD e le altre forze dell’allora maggioranza dall’assumersi la responsabilità politica del fallimento, anzi. Cosa che Negri, capogruppo PD anni dopo, fece in una sua dichiarazione in consiglio .Ricordiamoci però che un conto sono le responsabilità politiche, altro quelle legali.
  3. Tutta la partita piscina venne, di fatto, impostata nel periodo 2004 – 2009. La goccia che fece traboccare il vaso fu appunto una delibera di giunta del maggio 2009 (vado a memoria) in cui venivano ordinati dei lavori senza specificare chi li avrebbe dovuti pagare. Cosa che provocò la sospensione dei lavori da parte dell’impresa.
  4. E’ noto a tutti che l’attuale sindaco, Simone Negri, in quel periodo non era nemmeno consigliere comunale. Non aveva cioè nessun incarico e nessun ruolo in quella amministrazione.
  5. Certamente c’erano invece altri personaggi, oggi ancora presenti sulla scena istituzionale, ma occorre ricordare sia il punto 1 che il punto 2 nel secondo capoverso.

E’ del tutto ovvio, anzi naturale, che l’opposizione attacchi la maggioranza denunciandone il fallimento su una questione importante per dimensione economica e politica.

Quello che stupisce però è che lo faccia proprio oggi, solo oggi.

Su un argomento del genere mi sarei aspettato venisse svolta la campagna elettorale dell’opposizione. Su un fallimento così clamoroso (e sempre negato dall’allora sindaco) sarebbe stato del tutto ovvio che l’opposizione avesse cercato di vincere le elezioni. E su cosa sennò ?

Ma non lo ha fatto. La questione piscina non è stato il perno della campagna elettorale del centro destra cesanese e nemmeno del Movimento 5 Stelle.

E non si dica che i fatti non erano conosciuti. Chi era in consiglio, o chi aveva frequentato le sedute del consiglio, conosceva esattamente la questione. Mancava solo il decreto ingiuntivo del tribunale, ma nessuno dubitava che ci sarebbe stato.

Ora, io capisco che l’opposizione abbia tutto l’interesse politico di agitare una faccenda che mette in imbarazzo il PD cesanese. Mi disturba che lo faccia col metodo di “far di tutta l’erba un fascio”.

Concordo, lo ripeto, che chi era in quella giunta o in quella maggioranza sia chiamato a risponderne in tutte le sedi, perché se ne deve assumere la responsabilità. Mi auguro che l’opposizione lo faccia ed abbia il coraggio di andare fino in fondo a tutta la faccenda.

Ma non si può usare questa tristissima storia per cercare di colpire la figura del sindaco Negri, il quale, e lo sanno tutti, non solo non ne sapeva nulla, ma appena ha avuto qualcosa da dire lo ha, doverosamente, fatto nella sede istituzionale propria: il consiglio comunale.

In questo momento, proprio perché questo debito colpirà le tasche di tutti i cesanesi, sarebbe più utile cercare di fare quadrato intorno al sindaco che deve fronteggiare un colosso del sistema bancario nazionale e non “sbranarci” fra di noi.

Per questo ci sarà tempo dopo la conclusione della storia, se proprio.

Per queste ragioni non ritengo di dover firmare la petizione che mi sembra più rivolta a sferrare un attacco politico all’attuale sindaco che alla ricerca della verità.

Matt 1

Cesano Boscone, 12 ottobre 2014

Questa voce è stata pubblicata in 2014, Caso D'Avanzo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Perché non firmerò la petizione di M5S e l’estrema destra cesanese .

  1. Luciano ha detto:

    Penso che la raccolta di firme per istituire una Commissione Consiliare non sortirà effetto alcuno nei confronti del Sindaco Negri e della Giunta; a mio parere essi non devono rispondere di atti compiuti dalla precedente amministrazione anche se ne ereditano le conseguenze.
    Una iniziativa priva del suo più importante requisito, quello di avere un obiettivo davvero perseguibile che possa incidere sulle scelte che dovranno essere comunque compiute e pertanto non meritevole di attenzione alcuna; basta questo semplice motivo per non aderirvi.
    E credo anche che non si possa parlare di un attacco al Sindaco ed anzi spero che Negri non si presti a questa interpretazione delle cose.
    Già il suo predecessore era solito commentare le osservazioni mosse alle iniziative dell’amministrazione come un attacco diretto alla sua persona ed alla sua giunta e questo ritornello sarebbe bene non riascoltarlo.
    Detto questo però la quantità di firme raccolte potrà testimoniare in qualche misura l’indice di arrabbiatura e delusione dei cittadini Cesanesi e comunque, indipendentemente dall’esito dell’iniziativa delle destre e del M5S, le forze di centro sinistra e sinistra dovranno in breve tempo cominciare a mettere sul tappeto alcune proposte ed individuare possibili soluzioni perché ci sono tutte le premesse per dover compiere scelte impopolari.
    Se è vero, come sostiene Matt 1, che il precedente Sindaco D’avanzo affrontò tutta la partita della piscina con un approccio personalistico e agnostico a qualsivoglia confronto e contributo, lo stesso non lo può fare ne Simone Negri ne l’amministrazione da lui guidata.
    Ebbi modo di dire, frequentando il Circolo PD fino all’anno scorso, che fu una fortuna avere avuto amministratori che durante gli anni di “tangentopoli” furono in grado di colmare un vuoto avocando su di se prerogative che avrebbero dovuto essere della classe politica.
    Ma aggiunsi che era giunto il tempo di voltare pagina e che i partiti, e soprattutto il PD di Cesano Boscone quale partito maggiormente rappresentativo delle coalizioni che sostennero le precedenti amministrazioni e sostengono quella attuale, tornassero a svolgere il proprio ruolo di indirizzo ed orientamento sulle scelte più importanti della vita pubblica della nostra cittadina.

    E’ per questo motivo che il Sindaco Negri non può e non deve essere lasciato solo, non certo per le sterili e per certi versi grottesche iniziative delle forze politiche di opposizione che siedono in Consiglio Comunale.

    Luciano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...