Consiglio comunale del 12 novembre 2015.

Dalla riunione del Consiglio Comunale del 12 novembre 2015 sono emerse due notizie importanti: la prima riguarda il “piano attuativo Pioppi Magellano” ovvero l’apertura della strada che collegherà via dei Pioppi a via Vespucci con costruzione di una struttura socio-assistenziale, ovvero quella palazzina bassa non ancora ultimata che si vede. Ebbene la società che si stava occupando di queste opere, COFINDI, è fallita. A questo punto il Comune ha compiuto i passi legali necessari per essere riconosciuto creditore della società e ha avviato le procedure per escutere la fideiussione, cioè per avere i soldi necessari per concludere le opere. Serviranno 205.000 euro per finire i lavori di cui 97.000 per la struttura socio-assistenziale. I tempi saranno quelli legati alla vicenda processuale, il che significa che saranno tutt’altro che brevi, temiamo.
L’altra notizia riguarda l’area ex-Sgrò, quell’area compresa tra la via Nilde Jotti e il vecchio cimitero. Area dove era presente fino a qualche anno fa un vivaio. Il sindaco ha spiegato che la convenzione non c’è più e che l’area tornerà in pieno possesso del Comune. L’intenzione è quella di farla diventare un area di verde pubblico, un piccolo parco insomma. Ma ci vorrà un po’ di tempo perché il Piano di Governo del Territorio in vigore prevede su quell’area la costruzione di un nuovo asilo nido. Qualcuno ricorderà l’intenzione della mai rimpianta amministrazione D’Avanzo di voler abbattere l’asilo nido di via Garibaldi per edificarne uno nuovo su quest’area. Il PGT rispecchia ancora quest’idea non condivisa dall’attuale amministrazione .Occorrerà quindi modificare prima il PGT per poter procedere. L’intenzione però è chiara, quell’area è destinata a verde pubblico.

A inizio serata il consiglio aveva votato, all’unanimità, un nuovo regolamento per normare la presenza di circhi e spettacoli viaggianti sul territorio cesanese, poi la seduta è proseguita con interrogazioni e mozioni di varia natura, presentate per lo più dal Movimento 5 Stelle e da Fratelli d’Italia. L’interpellanza su via Magellano era del consigliere Insinsola (M5S), quella sull’area ex-Sgrò di Raimondo (FdI).
Discussione vivace su una mozione di Raimondo che proponeva di intitolare una strada o un parco alla giornata del 9 novembre 1989, il giorno in cui venne aperto il muro di Berlino.
La maggioranza ha presentato un emendamento alla mozione che includeva una critica a tutti i muri aperti nel mondo dopo l’abbattimento di quello tedesco: il muro tra Israele e Palestina, quello tra USA e Mexico, quello tra l’Ungheria e la Serbia eccetera. La proposta ha irritato il consigliere Raimondo che ha deciso di ritirare la propria mozione.
Altra mozione, questa volta presentata dal gruppo del PD ha riguardato l’accoglienza dei migranti. In sostanza si confermava l’adesione all’indirizzo politico seguito dal Governo Renzi sia in Italia che in sede Europea a proposito della politica di accoglienza per i rifugiati. Discussione accesa che ha portato alla sottoscrizione della mozione da parte della maggioranza PD e Futuro in Comune, mentre Fratelli d’ Italia e Movimento 5 Stelle hanno votato contro.
Con una interrogazione Insinsola (M5S) ha quindi chiesto delucidazioni sul funzionamento della biblioteca comunale, sia per quanto riguarda l’offerta dei servizi che per ciò che concerne la fruibilità degli spazi in periodo estivo. I locali sono privi di impianto di condizionamento poiché, ha spiegato l’assessora competente Paola Ariis, la Sovrintendenza competente non l’autorizza. La biblioteca costa 160.000 euro l’anno ed è in corso la sostituzione dei computer con nuove macchine. Attualmente un solo PC è connesso a Internet ed è a dispozione del pubblico. Potranno essere portati a due. E’ previsto l’acquisto di alcuni tablet (tre) da mettere a disposizione per la lettura dei quotidiani. Verrà fatta un indagine per chiedere agli utenti cosa pensano del servizio e qual’è il loro grado di soddisfazione.
Discussione animata sull’interrogazione di Raimondo in merito al bando per l’assegnazione delle case popolari. Il bando è stato modificato perchè, ha detto Raimondo, era stato dimenticato di inserire il caso delle persone separate/divorziate con il relativo punteggio. L’assessore Gattuso ha spiegato che l’errore è stato causato da una mancata informazione da parte della Regione Lombardia. La prima versione del bando è stata quindi ritirata e corretta. Il sindaco Negri ha riconosciuto a Raimondo di aver prontamente fatto notare la mancanza.
Il Movimento 5 Stelle ha quindi presentato una mozione per chiedere l’attuazione del “baratto amministrativo”. La legge, proposta dal Governo Renzi, prevede che se dei cittadini si trovino in difficoltà nel pagare delle imposte locali, possano, se organizzati in associazioni riconosciute, provvedere fornendo servizi o attività lavorative. Si tratta dunque di attivare questa modalità, prevederne i casi e la regolamentazione. La proposta è stata emendata dalla maggioranza ed ha raccolto il consenso unanime del consiglio comunale.
Quindi un’altra mozione dei 5 Stelle riguardo la regolazione della presenza delle “Slot machine” sul territorio cesanese. Si tratta delle macchinette mangiasoldi, che M5S vorrebbe limitare il più possibile in virtù dei gravi danni sociali che possono provocare: ludopatia, perdita di denaro ecc.
La vice-sindaco, Mara Rubichi, ha spiegato che c’è un bando regionale per mappare la presenza di queste macchinette mangia-soldi. A Cesano pare ne siano presenti ben 167, più o meno una ogni 160 abitanti. Gli esercenti che hanno nei loro negozi queste macchine già frequentano dei corsi . Il Comune può emanare un’ordinanza che regoli la presenza e l’uso di queste macchine, ma di solito non sono osservate e anzi vengono spesso impugnate con ricorsi. Il comune pensa di organizzare degli interventi nelle scuole, in seconda media, per preparare i giovanissimi ad affrontare questo argomento.
Altri argomenti affrontati: l’organigramma del Comune e la presenza di amianto a Cesano.
Da segnalare l’assenza, e non è la prima volta, dei due consiglieri di Forza Italia, sempre più assenti dal dibattito politico cittadino.
Prossimo appuntamento lunedi 23 novembre.

Pace e bene a tutti

Matt 1

Questa voce è stata pubblicata in 2015, Consiglio Comunale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...