Sciopero dei dipendenti comunali. Grande giornata di lotta per le educatrici degli asili-nido.

La cosa migliore di tutta questa triste vicenda degli asili-nido montata dall’amministrazione Negri si stanno dimostrando essere le lavoratrici degli asili-nido.
Dopo due mesi di lotta sono più unite che mai. Arrabbiate, deluse da chi vuole cederle mettendole al bando, ma sempre propositive, motivate, determinate a far cambiare idea a chi ha sin qui dimostrato di non volerlo assolutamente fare.
Mercoledi 25 maggio hanno animato un corteo che è partito dal Centro Civico di via Turati ed è poi arrivato in via Pogliani dopo aver attraversato il quartiere Giardino e il Lavagna. Ironiche, non hanno smesso un solo istante di cantare, modificando le canzoncine che insegnano ai bimbi e adattandole ad una garbata presa in giro di sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza. Gli stessi che, votando in fretta e furia quanto proposto dal sindaco le hanno messe nella non invidiabile situazione in cui si trovano oggi.
Non mi era mai capitato di partecipare ad una manifestazione di questo tipo e di non sentire nemmeno una parolaccia all’indirizzo di chi sceglie, sbagliando, di peggiorare la vita altrui.
Una ammirevole lezione di stile !

La giornata è cominciata al Teatro Piana, al quartiere Tessera. Gli organizzatori avevano chiesto la Sala della Carrozze a Villa Marazzi, ma qualcuno ha pensato bene di relegare l’iniziativa di protesta il più lontano possibile. Se questa era l’intenzione: rendere il meno visibile possibile la giornata di lotta dei dipendenti comunali, il risultato non è stato raggiunto. Infatti la distanza è stata superata dal più lungo, in termini di tempo, corteo a piedi che Cesano ricordi nella sua storia recente. Corteo colorato dalle bandiere di CGIL-CISL-UIL e USB, animato dai canti ironici e divertenti delle educatrici e visto da tutti i cittadini, di Cesano e Corsico, abitanti o transitanti sul lungo percorso.
Le “vecchie” lavoratrici sembravano aver preso gusto all’insolita situazione e non avevano alcuna fretta di terminare la manifestazione. A volte si fermavano e si sedevano per terra “a riposare perché siamo vecchie” dicevano ridendo.
Ma torniamo a Villa Marazzi. Qui si è svolta una breve assemblea cui hanno partecipato anche delegazioni di lavoratori comunali dei comuni della provincia di Milano. C’erano persone di Corsico, Trezzano, Cornaredo, Buccinasco, Sesto San Giovanni, Milano e altri. Tutti venuti a portare la loro solidarietà alla lotta delle lavoratrici ed a manifestare il loro stupore per l’insana decisione della giunta Negri. Ovviamente sono intervenuti anche i sindacati, presente il segretario provinciale della UIL per il pubblico impiego, un rappresentante della Camera del Lavoro di Milano, di CISL e CGIL. Da segnalare che mentre tutti gli intervenuti hanno sottolineato come il problema degli asili-nido stia diventando un problema in tanti comuni, a causa del taglio dei trasferimenti da Stato e Regioni, solo a Cesano Boscone tuttavia è stata individuata come soluzione quella di dare in concessione tramite gara sia il servizio che il personale che lo svolge. In nessun altro caso, anche quando il servizio sia stato ceduto ai privati, l’amministrazione di è “sgravata” del personale, ma lo ha destinato ad altro incarico o altra sede.
Per questa ragione, perché il fatto costituisce un precedente grave, tutti i sindacalisti intervenuti hanno sottolineato come sia importante contrastare in ogni modo questa scelta . Scelta che verrà contrastata anche sotto il profilo legale. Inoltre è indispensabile costruire una rete di collegamenti tra tutti i lavoratori degli asili perché solo “facendo rete” sarà possibile opporsi alla progressiva privatizzazione o chiusura di questo servizio. Servizio, quello degli asili-nido, che invece anche una recente comunicazione dell’ISTAT ha sottolineato essere molto importante per un positivo sviluppo della personalità dei bimbi.
Presenti anche alcuni consiglieri di opposizione di Cesano, Stefano Cella di CesanoCambia, Aldo Guastafierro di Cesano 2020 che è anche intervenuto, come pure Fabio Raimondo. L’ex assessora Lilia Di Giuseppe ha portato la solidarietà del Circolo Donne Sibilla Aleramo e ha insistito nel consigliare le lavoratrici di non mollare la lotta.
Una educatrice ha letto un lungo ed appassionato resoconto di tutta questa storia, esprimendo in questo modo il punto di vista di tutte e sedici le dipendenti coinvolte.
Nei prossimi giorni lo pubblicheremo su questo blog.
La giornata di lotta proseguirà poi nel pomeriggio. Alle 16 infatti le infaticabili lavoratrici hanno organizzato una festa per celebrare i 40 anni dalla nascita del primo asilo nido cesanese. La festa si svolgerà sotto le finestre del palazzo comunale, in via Pogliani e tutti sono stati invitati. Anche i bambini ovviamente.
Singolare, ma forse nemmeno tanto, che l’amministrazione comunale si sia “dimenticata” di questa ricorrenza. Almeno due persone, che adesso fan parte della maggioranza che è decisa a “concedere” servizi e persone al miglior offerente, hanno usufruito del lavoro di queste donne quando avevano da zero a tre anni.
Senza scomodare il dott. Freud… ma un piccolo ripensamento? Un senso di colpa, anche piccolino ?
La lotta dunque continua.
Sinceramente non si capisce la ragione per cui questa amministrazione che, non ci stancheremo di ricordarlo, fino a inizio marzo aveva il vento a favore e un grande consenso, si sia voluta impelagare in una simile storia. Con una soluzione tanto “originale” da essere unica nella provincia di Milano.
C’è quindi una buona notizia per il Sindaco Negri: il suo nome sta diventando conosciuto negli ambienti sindacali del pubblico impiego e probabilmente lo diventerà anche a livello di città metropolitana.
La brutta notizia è che finora nessuno si è sentito di condividere e approvare la scelta fatta.
Famoso si, dunque. Ma negativamente.
Non sarebbe il caso, per chi è ancora agli inizi di una possibile carriera politica, di mostrare una maggiore duttilità ? Prima che l’ostinazione si trasformi in ottusa cocciutaggine…

Walter Zucchelli

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ASILI-NIDO, Consiglio Comunale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...