Giro di giostra nella giunta Negri: esce Fulvia Erasmi entra Valeria Mulas.

-comunicato Facebook del Sindaco Simone Negri 18.03.17

E’ vero, l’avvicendamento dell’assessora Erasmi era nell’aria da tempo. La vera sorpresa quindi consiste nel nome della persona che l’ha sostituita: Valeria Mulas.
Già consigliera comunale di Rifondazione Comunista nel periodo 1999-2004, da allora assente dalla scena politica cesanese. Rientra adesso inaspettatamente non senza sollevare qualche punto di domanda.
Stando al comunicato diffuso, come abitudine di questo sindaco, in Facebook (e assente dalla home page comunale) la Mulas ha ricevuto la delega per la “sostenibilità ambientale” e per la “mobilità urbana”. Si occuperà inoltre delle politiche per i giovani “…perché ritengo debbano essere rilanciate…” dice il sindaco.
Il nuovo assessore è laureata in relazioni pubbliche alla Iulme ha conseguito un master in social media e digital marketing. Oggi è account director in un’agenzia specializzata in artwork digitali e post produzione grafica.”
Ci siamo fino a qui ? Bene.
La domanda, ovvia, è: quali sono le competenze specifiche in tema di sostenibilità ambientale, mobilità urbana e politiche giovanili ?
Domanda al momento senza risposta, tranne forse per le politiche giovanili, vantando la neo assessora un’esperienza “tra il 1996 e il 1999” come “ coordinatrice del Centro giovani di via Turati “. Un po’ lontano nel tempo forse, ma dovremo accontentarci.
Andiamo avanti.

L’assessora Erasmi aveva anche una delega per lo sport. Delega passata all’assessore Salvatore Gattuso che ha il compito di “…proseguire il lavoro di Fulvia Erasmi…che aveva dato un forte impulso all’attività sportiva “.

Infine, poiché l’assessore Gattuso aveva la delega alla casa, che in sostanza significa occuparsi dei problemi dei quartieri Giardino e Tessera, questa delega il sindaco l’ha tolta e se l’è tenuta per sé.
Come si vede, c’è stato un certo riassetto delle deleghe assessorili e con questa formazione in campo il sindaco Negri intende indirizzarsi verso la fine del suo mandato. 

Due considerazioni .
La prima è questa. La nostra impressione, ma ovviamente potremmo anche sbagliare, è che deleghe o non deleghe in questa amministrazione conti solo ed esclusivamente un parere: quello del sindaco. Lui decide, lui dispone, lui indirizza. Gli altri, al massimo, eseguono. Non c’è nessuno in giunta e nemmeno in maggioranza che possa “fare ombra” ai desideri del sindaco. Forse solo l’assessore al bilancio Ursino, per anzianità e competenza professionale, potrebbe tenergli testa. Se lo volesse.
In queste condizioni chi faccia l’assessore e quali deleghe abbia conta solo fino ad un certo punto. Ragione per cui ci siamo sempre occupati poco dei singoli assessorati. Come continueremo a fare.
Le responsabilità politiche ricadono tutte sul sindaco, cui la legge dà il diritto di nominare gli assessori o di revocare le deleghe. E Negri si è trovato nella situazione felice di poter disporre al meglio di queste facoltà.
Si pone quindi, ed è la seconda considerazione, la questione di dare un senso politico a questa nuova nomina. La scelta di un assessore è ovviamente una scelta politica, ”parla” a qualcuno. Una volta queste cose le decidevano i partiti della coalizione: io ho preso tot voti dunque mi spettano tot assessori. Se per qualche ragione uno se ne va, il sindaco di turno discuteva col partito di appartenenza di chi se ne era andato la sua sostituzione. Cioè: era il partito che decideva chi mettere in giunta. Perché era impensabile non presidiare la giunta e l’azione del sindaco da vicino.
Questo anche in tempi recenti, ovvero con l’attuale legge.
Oggi invece vediamo delegare una persona che da oltre 10 anni ha abbandonato la politica attiva cesanese. Di cui non risulta nota (per lo meno al momento) alcuna appartenenza politica. Come mai quel posto non è stato assegnato ad un componente della lista civica, cui appartiene l’assessora uscente? Oppure a qualcuno del PD, partito a cui non mancano certo dei giovani ambiziosi, anzi…
L’ipotesi che ci si affaccia alla mente è la seguente:
  • la lista civica non aveva nessuno da candidare a quel ruolo o nessuno della lista civica era interessato e/o aveva voglia o disponibilità per farlo;
  • il sindaco non può o non vuole dare la delega ad un consigliere PD;
  • a questo punto cerca una persona la cui principale caratteristica sia quella di essere affidabile . Una persona cioè di cui lui si possa fidare per amicizia personale, conoscenza nel tempo eccetera;
  • la trova in una persona ancor giovane ma che può vantare una passata esperienza amministrativa. Una ex appartenente a Rifondazione Comunista, partito che oggi a Cesano non conta più nulla, ma che un tempo riusciva a prendere anche più di mille voti;
  • si tratta di scelta personale del sindaco, il quale non ha certo trattato con nessun partito ma solo con la persona interessata.
  • in questo modo il sindaco Negri pensa di essersi…come dire … “coperto a sinistra”. E questo a lui serve in vista delle prossime elezioni amministrative, quando potrà presentarsi come il sindaco di sinistra di Cesano Boscone.
Poiché a Cesano c’è un voto di destra piuttosto costante, poiché il Movimento 5 Stelle potrebbe salire nelle previsioni di voto, il sindaco, si trova nella situazione di dover recuperare tutti i voti possibili,  anche a sinistra, non essendo egli in grado di raccogliere voti al centro e a destra. Operazione, come si sa,  fallita anche dal ben più abile Renzi.
Inoltre, dopo la questione degli asili-nido, dire che l’entusiasmo della sinistra cesanese per questa amministrazione si sia raffreddato é dir ancora poco. Non solo privatizzare è stato un errore ma pure  il modo con cui quel risultato è stato perseguito è rimasto sullo stomaco a molti tra quelli che pure si erano spesi per far eleggere il Negri.  Senza parlare delle altre scelte fatte o di quelle non fatte: se dopo tre anni i marciapiedi di Cesano sono ancora rotti, molte strade non riasfaltate… 
Ma lui spera sul fattore tempo: col tempo ci si dimentica.
Ecco il contesto in cui sorge l’idea di nominare l’ex consigliera di Rifondazione assessora.
Ci si ridà una certa patina di “amministrazione di sinistra”.
Certo magari la neo assessora di oggi non è più la giovane consigliera di una volta. Magari anche per lei vale quel vecchio detto: “a vent’anni volevo fare la rivoluzione, a quaranta mi accontento di cambiare il turno delle ferie”. Questo ce lo diranno i giorni futuri.
Ovvio però pensare che la Mulas condivida e faccia suo il percorso sin qui seguito dall’amministrazione Negri. Del resto sarebbe ben singolare che Negri  si fosse portato in giunta una persona che avversi le principali scelte sin qui fatte. Illogico pensarlo, non vi pare?
Si tenga poi conto, dato importante, che gli elettori cesanesi sono oltre 18.000, ma quelli che seguono la politica locale o che almeno sanno chi è il sindaco saranno un migliaio, più o meno.
Ecco perché fa gioco al sindaco “coprirsi a sinistra”, perché poi gira la voce che questa giunta…si magari ha sbagliato qualcosa…però è di sinistra, che se non si rivota Negri potrebbe vincere “l’avvocato nero”, oppure i pentastellati, dio ne scampi… E poi in giunta c’è “una di noi”. O una che è stata dei nostri. E a volte si sa: basta la parola…
E anche questi voti, fossero pure solo poche centinaia, o anche solo poche decine, potrebbero servire per vincere un’elezione.
Da notare poi un’ultima cosa: questo tipo di operazione era già stato fatto con l’assessora Paola Ariis, assessora alla cultura. La cui nomina è dipesa solo dal sindaco, nel senso che la Ariis non apparteneva ad alcuna formazione politica al momento della nomina, non portava in dote nulla oltre se stessa. Ma, avendo avuto dei trascorsi nella lista di SeL anche nel suo caso si può parlare di una chiara appartenenza al campo della sinistra.
Due donne, entrambe provenienti dalla sinistra, entrambe contattate direttamente dal sindaco, con inoltre la singolare caratteristica di non avere neppure partecipato attivamente alla campagna elettorale che ha portato alla elezione del Negri.
Con la singolare caratteristica di non avere neppure partecipato attivamente alla campagna elettorale . (Non è un refuso, lo ripeto apposta).
Curioso no? Probabile che sia una evoluzione locale del concetto di meritocrazia. Con quelli che si sono impegnati per far vincere le elezioni non si discute di nulla, gli si presentano scelte drammatiche come “inevitabili” e li si mette nella condizione di dover ingurgitare minestre amare o di dover saltar finestre. Chi invece non c’era, viene premiato. Sempre che diventare assessore possa essere considerato un premio, oggi, a Cesano, con questa maggioranza. 
Del resto, a Cesano Boscone non esiste una sinistra politica organizzata e vale ancora il vecchio detto: guai ai vinti. 
Ecco quindi l’attuale composizione politica delle giunta Negri: un assessore di area socialista, due assessori del PD, due assessori senza appartenenza partitica.
Le stranezze sono tali che potrebbe perfino succedere che … non succeda nulla tra la maggioranza che sostiene la giunta e l’amministrazione.   Ma non consiglieremmo a nessuno di scommetterci anche un solo euro.

 

Detto questo non possiamo che fare i nostri migliori (e sinceri) auguri di buon lavoro alla neo-assessora Valeria Mulas. La ricordiamo come una donna intelligente e non crediamo sia cambiata in questo senso. 
Ci dispiace sinceramente, e vogliamo ripeterlo, ci dispiace sinceramente che abbia deciso di spendersi per un’amministrazione squalificata come questa. 
Dubitiamo che abbia lo spazio e la possibilità di cambiare qualcosa là dentro.
Walter Zucchelli 19.03.2017
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2017, ASILI-NIDO, Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...