Info

El paes di matt, così veniva scherzosamente chiamata Cesano Boscone un tempo, quando gli ospiti della Sacra Famiglia superavano il numero degli altri abitanti .
Poi le cose sono cambiate, sopratutto grazie alla nascita dei quartieri popolari Tessera e Giardino, e Cesano oggi è un comune di oltre 24.000 abitanti ubicato nell’area metropolitana milanese.

Nostra intenzione è dedicare il blog all’informazione e discussione di quanto accade nella vita politica, culturale e sociale cesanese.

Cesano quindi come centro dei nostri interessi, ma senza scordare mai che Cesano e i cesanesi vivono in questo mondo, che è l’unico disponibile.

marzo 2011

Annunci

Una risposta a Info

  1. fabio bottero ha detto:

    Vi invio questo mio intervento sulle vicende di Buccinasco, Cesano e altro.

    molte grazie

    buona serata

    Ad ogni nuova inchiesta si rafforza in me il convincimento che il corsichese è proprio una zona molto complicata e sulla quale c’è da fare un lavoro immane. Ogni volta speriamo che sia l’ultimo episodio ma se ne aggiunge poco dopo un altro e un altro ancora.
    Dico fin da subito che sono comunque fiducioso sulle possibilità di noi cittadini del corsichese per riportare la situazione alla normalità.
    Normalità che ora non c’è per via di radicati collegamenti tra politici, imprenditori, malavitosi che in gran parte risalgono a molti anni addietro ma ancora producono effetti devastanti.
    E’ questo quello che emerge ad ogni inchiesta della magistratura e di altre forze dell’ordine che anche solo di striscio tocca sempre almeno uno dei nostri Comuni. E’ successo settimana scorsa, succede oggi.
    Abbiamo infatti appreso dell’arresto del Sindaco di Buccinasco, Loris Cereda, dell’assessore ai lavori pubblici Marco Cattaneo, del consigliere comunale Antonio Trimboli, di Umberto Pastori, dirigente di una società che opera nel settore degli ipermercati, di Cesare Lanati, amministratore di una società edile, e Ettore Colella, commercialista di Buccinasco, per presunte tangenti legate agli appalti per alcuni lavori pubblici.
    Questo, come dicevo, è solo l’ultimo episodio di una lunga serie che oramai caratterizza e affligge il corsichese.
    Ora dobbiamo aspettare e capire bene in cosa consistono i capi di imputazione e gli eventuali sviluppi tuttavia da ciò che emerge sembra comunque difficile che gli inquirenti abbiano preso una cantonata. In ogni caso possiamo comunque condannare ogni tipo di episodio di corruzione e quindi anche quelli contestati nella vicenda in esame.
    Voglio comunque riportare fin da subito dei riferimenti che possono servire per ricostruire vicende passate anche solo al fine di costruire una storia condivisa della nostra zona.
    L’anno scorso, proprio in questi giorni, a seguito degli arresti relativi all’Operazione parco sud II, lo stesso Sindaco di Buccinasco aveva rilasciato una intervista direi surreale a http://www.milanomafia.com, peraltro in linea con lo stile del personaggio, soprattutto su questioni inerenti l’argomento legalità dove diceva che sapeva che le infiltrazioni mafiose non potevano riguardare solo Buccinasco, ritenute da lui tuttavia esagerate e montate dalla stampa, e dove arrivava perfino a candidarsi per un posto nell’Agenzia dei beni confiscati di Reggio Calabria. Proprio ieri sera a Cesano Boscone Giulio Cavalli, in una modo quasi profetico, nel suo spettacolo A cento passi dal Duomo ha sottolineato ancora una volta che il Sindaco Cereda non si scomponeva nel dire di aver ricevuto nel suo ufficio il figlio del boss Domenico Barbaro. Così come è bene ricordare che la giunta del Sindaco Loris Cereda tra il 2008 e il 2009 ha affidato appalti per circa 40.000 euro a un’impresa edile legata alla cosca Barbaro-Papalia. Altri 15.000 euro di denaro pubblico sono finiti a un’impresa di catering facente parte del gruppo Kreiamo.
    Proprio ieri sul sito web de Il Fatto quotidiano, in un articolo sulla vicenda di Cesano Boscone, si richiamava la relazione del Procuratore della Repubblica dr. Pomarici del 27 novembre 2007 e precisamente un procedimento, poi archiviato, è bene dirlo, relativo a rapporti tra politici, imprenditori e malavitosi della nostra zona in merito ad operazioni urbanistiche, appalti ed altro nel Comune di Cesano Boscone e Buccinasco. In quel procedimento era citato anche l’attuale consigliere comunale Antonio Loreto Trimboli, legato in investimenti societari, volti probabilmente alle operazioni sopra citate, a esponenti di Comunione e Liberazione di spicco della nostra zona.
    Direbbe Nino Russo, giornalista della nostra zona nonché consigliere comunale del PD a Trezzano sul Naviglio, che ci aveva visto lungo: tutto torna!
    Per bloccare da subito pensieri di eventuali strumentalizzazioni politiche da parte mia o di altri esponenti del PD, ricordo che proprio in relazione al tema legalità e trasparenza nell’attività amministrativa in questi giorni all’interno del Partito Democratico, dal livello comunale e quello provinciale, stiamo seguendo con molta attenzione la vicenda legata alle intercettazioni risalenti al 2008 e 2009 che vedono l’attuale Sindaco di Cesano Boscone colloquiare, in modo sicuramente inopportuno e a più riprese, con Alfredo Iorio della Kreiamo su vicende urbanistiche, politiche e di altro genere. Sulla Giunta di Cesano rimane anche il dubbio se sia opportuna la presenza come Assessore al Bilancio del sig. Francica, già Presidente del Collegio Sindacale di Kreiamo.
    Sono sicuro che a breve saranno presi i necessari provvedimenti in merito.
    Dico ciò per sottolineare che tutti dobbiamo esser pronti a cercare di capire e approfondire questioni che riguardano i comportamenti di un amministratore pubblico indipendentemente dal colore politico di appartenenza.
    Infine faccio una richiesta. Per favore non si utilizzino argomenti berlusconiani, spesso adottati anche a sinistra, nel commentare vicende di questo tipo dicendo: “ma è possibile che una persona di quel livello si butti via per 10.000 euro? Non ci credo, ci deve essere un errore. La magistratura è andata oltre. Ci vuole più rispetto e un maggiore approfondimento” e via dicendo.
    La mia opinione è sempre la stessa dell’anno scorso: quello che emerge, nella maggior parte dei casi, è sempre e solo la punta dell’iceberg. Questa è la visione che a mio avviso dobbiamo avere se vogliamo essere realisti e affrontare seriamente problemi di questa entità. Tale tesi è avvalorata dai continui episodi che citavo in apertura.
    Diversamente è solo voglia di fare gli struzzi per non voler impegnarsi seriamente per la comunità.
    Riprendendo quanto diceva ieri sera Giulio Cavalli alla fine del suo spettacolo credo che, a maggior ragione, da oggi in poi non possiamo più voltarci dall’altra parte: abbiamo il dovere Costituzionale di non essere indifferenti.
    E’ ora di assumerci tutti, a partire dagli impegnati in politica, le nostre responsabilità. Il Sindaco di Corsico Maria Ferrucci ha parlato ultimamente di necessità di movimento culturale contro la mafia: condivido in pieno il suo pensiero.
    Questa aspirazione di creare un movimento culturale la rivolgo a tutti i cittadini del corsichese ma soprattutto ai giovani della nostra zona che esorto a impegnarsi in politica partendo da questo obiettivo che ritengo molto entusiasmante e rientrante tipicamente negli slanci di ideali e generosità che sanno profondere loro stessi.
    L’impegno per la legalità e la trasparenza deve diventare il principio base dal quale far partire tutte le azioni amministrative e politiche della nostra zona.

    Fabio Bottero
    Coordinatore Pd zona corsichese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...